Homepage new

Anche l’ultimo Quota96 ha raggiunto il traguardo.

Ripubblico una vignetta che misi nel 2012, stavolta speriamo che la strada che abbiamo davanti sia comoda e lunga …

Abbiamo terminato la nostra odissea, il blog resta per chi ancora vuole scambiarsi notizie e restare in contatto con “amici” e compagni che hanno condiviso questi quasi 8 anni di sofferenza e lotte.
Una delle tante sconfitte dei lavoratori sul fronte delle pensioni, il portafoglio più facile dove pescare, che i tutti i governi hanno usato, per fare cassa.

Saranno pubblicati a tutti/tutte articoli, analisi e/o proposte articolate. (devono essere firmati).

Il sito non costituisce testata giornalistica, non ha comunque carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001.” Le foto e i contenuti sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione dei contenuti.

6.329 commenti on “Homepage new”

  1. Davide ha detto:

    E’ disponibile fra gli articoli “Dati Covid 2021”, a destra in alto, il testo “Covid-19: quarta ondata e confronti”, che offre uno sguardo generale sulla situazione, sulle prospettive della sua evoluzione, sugli errori commessi e sugli interessi in gioco, confrontando con quanto accaduto l’anno scorso e con l’andamento della pandemia anche all’estero, in particolare in Cina e in altri Paesi dell’Oriente e ai nostri antipodi, dove l’epidemia è stata tenuta sotto controllo.

  2. Fulvio Freschi ha detto:

    Aggiornati alla settimana 34 i dati Covid 2021.
    La settimana è proseguita con un perseverante peggioramento, però in alcune Regioni si è un tantino moderato, gli aumenti sono meno pronunciati. Prosegue la crescita dei NUOVI POSITIVI, dei Ricoveri, e anche i Decessi sono in moderata crescita percentuale.
    SICILIA è sull’orlo del passaggio in zona GIALLA; Calabria e Sardegna temono in un aggravamento che le declassi tra qualche settimana a zona Gialla.
    ISS non ha aggiornato il report “Monitoraggio”, che indicava gli effetti positivi delle vaccinazioni, più evidenti verso gli esiti più gravi (ricovero, decessi) ma poco protettivi contro i contagi.
    Forse la settimana particolare di ferie generalizzate non ne ha consentito l’elaborazione.
    Vedi tabelle, grafici e testo dentro l’articolo “Dati Covid 2021”, a destra in alto (2 file: “Settimana 34”).

  3. Fulvio Freschi ha detto:

    Aggiornati alla settimana 35 i dati Covid 2021.
    La settimana è proseguita con un perseverante peggioramento, però in alcune Regioni si è un tantino moderato, gli aumenti sono meno pronunciati, le curve stanno ancora crescendo ma più lentamente, con minore pendenza.
    Prosegue la crescita dei NUOVI POSITIVI, dei Ricoveri, e anche i Decessi sono in moderata crescita percentuale.
    La SICILIA ha superato tutte le soglie di incidenza e di ricoveri, e dal 30 agosto passa a “zona gialla”, ma già decine di Comuni già c’erano, e altri in zona arancione o rossa,
    CALABRIA e SARDEGNA tendono sempre più alla transizione in zona Gialla, se proseguirà l’aggravamento dei propri indicatori.
    Proseguono le proteste e le manifestazioni dei NO-VAX, NON-VAX, NI-VAX; peccato siano quasi sempre in mano alle destre eversive.
    ISS ha aggiornato il report “Monitoraggio”, che indica gli effetti positivi delle vaccinazioni, più evidenti verso gli esiti più gravi (ricovero, decessi) ma poco protettivi contro i contagi.
    Ne analizziamo le risultanze nel Testo dentro l’articolo “Dati Covid 2021”, a destra in alto (2 file: “Settimana 35”, Testo e Grafici).

  4. fufforoma ha detto:

    Aggiornati alla settimana 36 i dati Covid 2021.
    La settimana è proseguita con un perseverante peggioramento solo in circa metà delle regioni, gli aumenti sono meno pronunciati, le curve stanno ancora crescendo ma più lentamente, con minore pendenza; nelle altre Regioni quasi tutti i parametri scendono, ma non i Ricoveri e Decessi, prosegue la crescita dei NUOVI POSITIVI, dei Ricoveri, e anche i Decessi sono in moderata crescita percentuale.
    La SICILIA ha superato tutte le soglie di incidenza e di ricoveri, e dal 30 agosto passa a “zona gialla”, ma già decine di Comuni già c’erano, e altri in zona arancione o rossa,
    CALABRIA e SARDEGNA tendono sempre più alla transizione in zona Gialla, se proseguirà l’aggravamento dei propri indicatori.
    Prosegue l’estensione del GREEN PASS, di pari passo proseguono le proteste e le manifestazioni dei NO-VAX, NON-VAX, NI-VAX; peccato siano quasi sempre in mano alle destre eversive.
    ISS ha aggiornato il report “Monitoraggio”, che indica gli effetti positivi delle vaccinazioni, più evidenti verso gli esiti più gravi (ricovero, decessi) ma poco protettivi contro i contagi.
    Ne analizziamo le risultanze nel Testo dentro l’articolo “Dati Covid 2021”, a destra in alto (2 file: “Settimana 36”, Testo e Grafici).

  5. fufforoma ha detto:

    Aggiornati alla settimana 37 i dati Covid 2021.
    La settimana è proseguita con un incoraggiante miglioramento in alcuni parametri delle regioni, in altre gli aumenti sono meno pronunciati, le curve stanno ancora crescendo ma più lentamente, con minore pendenza. Invece prosegue la crescita dei NUOVI POSITIVI, dei Ricoveri, e anche i Decessi sono in moderata crescita percentuale.
    La SICILIA ha superato tutte le soglie di incidenza e di ricoveri, dal 30 agosto è in “zona gialla”, ma già decine di Comuni già c’erano, e altri in zona arancione o rossa; CALABRIA e SARDEGNA cui si aggiunge MARCHE hanno superato una delle soglie di Ricoveri, e tendono sempre più alla transizione in zona Gialla, se proseguirà l’aggravamento dei propri indicatori; MARCHE corre meno rischi perchè l’altro parametro è molto al di sotto della soglia.
    Prosegue l’estensione del GREEN PASS, di pari passo proseguono le proteste e le manifestazioni dei NO-VAX, NON-VAX (chi si oppone a tutti i vaccini, o solo a queli Covid), NI-VAX (gli indecisi).
    ISS ha aggiornato il report “Monitoraggio”, che indica gli effetti positivi delle vaccinazioni, più evidenti verso gli esiti più gravi (ricovero, decessi) ma poco protettivi contro i contagi, e solo la prima dose non è particolarmente protettiva. A breve comincerà la “terza dose” per chi è stato vaccinato 9 mesi fa, e per i “fragili”.
    Ne analizziamo le risultanze nel Testo dentro l’articolo “Dati Covid 2021”, a destra in alto (2 file: “Settimana 37”, Testo e Grafici).
    N.B.: secondo LAB24, sezione dati del Sole 24 ore (fonte: https://ourworldindata.org/covid-vaccinations), le percentuali dei vaccinati con ciclo completo in Paesi particolarmente significativi per popolazione vedono ai primi posti Portogallo 75,4% e Spagna 72%, poi l’Italia al 64,6% sopravanzare Regno Unito 63,1% e Israele al 62,6%, Germania e Francia al 60%.

  6. quota96 ha detto:

    I 40.000 di Firenze non erano mentine …

    “I poveri erano così tanto poveri
    che presero la loro fame
    e la misero in bottiglia e se la andarono a vendere.
    Se la comprarono i ricchi,
    i ricchi che nella vita avevano mangiato di tutto,
    dal caviale ripieno all’ossobuco di culo di cane allo spiedo.
    Però la fame dei poveri in bocca non l’avevano assaggiata mai,
    così i ricchi se la comprarono.
    La pagarono bene e i poveri furono contenti
    e per un po’… per un po’ tirarono avanti.
    Poi i poveri tornarono ad essere poveri,
    così allora i poveri presero la loro sete
    e la misero in bottiglia e se la andarono a vendere.
    Se la comprarono i ricchi,
    i ricchi che nella vita avevano bevuto di tutto,
    avevano bevuto dal Brunello al Tavernello,
    però la sete dei poveri in bocca non gli era passata mai.
    Così allora i ricchi se la comprarono e la pagarono bene
    e i poveri ne furono felici.
    Per un po’ tirarono avanti.
    Ma poi i poveri tornarono ad essere poveri, più poveri di prima.
    Così allora i poveri presero la loro rabbia,
    che i poveri di rabbia ce ne avevano assai, ce ne avevano.
    Allora i poveri presero la loro rabbia
    la misero in bottiglia e se la andarono a vendere.
    Se la comprarono i ricchi.
    I ricchi che… sì, pure i ricchi un po’ nella vita erano stati arrabbiati,
    mica no!
    Ma erano piccole cose, conflitti generazionali,
    roba da ormoni, rodimenti di culo, insomma.
    Ma la rabbia, proprio la rabbia dei poveri
    i ricchi non l’avevano provata mai.
    Così allora se la comprarono e la pagarono anche bene.
    I poveri furono felici e per un po’ tirarono avanti.
    Ma poi i poveri tornarono ad essere poveri.
    Allora i poveri si vendettero tutto,
    la coscienza di classe, la violenza, l’insubordinazione,
    la cultura, la musica, le parole,
    la letteratura, la memoria,
    tutto si vendettero i poveri, tutto.
    E i ricchi accumulavano.
    Nelle loro cantine i ricchi
    ormai avevano migliaia, milioni di bottiglie
    e accanto ai baroli muffiti, muffati, passiti, moscati
    ci stavano bottiglie e in quelle bottiglie
    ci stava tutta la cultura dei poveri, ci stava la rabbia dei poveri
    dai sanculotti fino ai braccianti di Di Vittorio nel foggiano,
    fino ai nuovi braccianti, i pummarò nell’Agropontino
    piuttosto che i braccianti rumeni,
    quelli che vanno a lavorare e a morire nei cantieri
    per dieci euro al giorno.
    In quelle bottiglie, in mezzo alle altre bottiglie,
    nella cantina dei ricchi,
    ci stavano bottiglie piene dell’orgoglio dei poveri,
    dell’orgoglio dell’aristocrazia operaia
    che aveva fermato i tedeschi nel ’42, nel ’43, nel ’44 e nel ’45,
    l’aristocrazia operaia che aveva conquistato lo Statuto dei Lavoratori
    nel 1970, il superamento del cottimo,
    fino all’orgoglio dei lavoratori precari,
    che erano precari, però pure loro l’orgoglio ce l’avevano.
    In quelle bottiglie c’era di tutto,
    c’era lo stupore, la meraviglia dei poveri,
    degli zapatisti che proprio in questi giorni,
    a marzo, però di sette anni fa,
    entrarono chi a cavallo, chi col somaro,
    la maggior parte a piedi a Città del Messico.
    In quelle bottiglie c’era tutta la cultura dei poveri,
    tutto dei poveri.
    I poveri tutto si erano venduti.
    E alla fine i poveri diventarono così tanto poveri
    che presero pure la loro povertà,
    la misero in bottiglia e se la vendettero.
    La comprarono i ricchi.
    I ricchi che nella vita tutto erano stati, fuorché poveri.
    E adesso volevano essere così tanto ricchi
    da possedere pure la miseria dei miseri.
    Allora quando i poveri diventarono così tanto poveri
    da non possedere più nemmeno la loro povertà,
    i poveri si armarono e non di coltello e forchetta
    bensì di fucili e pistole,
    perché la rivoluzione non è un pranzo di gala,
    la rivoluzione è un atto di violenza.
    Allora i poveri armati andarono fino al palazzo
    arrivarono al palazzo e lì c’era il podestà
    affacciato al balcone, alla finestra,
    il podestà serio che li guardava.
    I poveri erano armati ma rimasero fermi, immobili.
    Non fecero niente.
    Perché senza la rabbia, senza la fame,
    senza la sete, senza l’orgoglio,
    senza la coscienza di classe non si fa la rivoluzione.
    Così allora il podestà scese in cantina
    e tra le tante bottiglie che aveva comprato dai poveri
    ne prese una, una soltanto,
    era la libertà, quella loro, dei poveri,
    che si era comprato tanto tempo prima.
    La prese e la riconsegnò ai poveri.
    E i poveri stapparono la bottiglia.
    E adesso con quella libertà
    i poveri potevano farci un partito, per dire.
    Potevano farci un circolo,
    potevano farci una bandiera,
    un inno, una canzonetta.
    Però ci fecero poco e niente,
    perché la libertà da sola non serve a niente.
    Così allora il podestà si cercò nelle tasche
    e trovò un pacchetto di caramelle alla menta.
    Lo prese e regalò quelle caramelle ai poveri
    e i poveri da quel giorno tornarono ad essere liberi,
    liberi di succhiare mentine”
    (Ascanio Celestini)

  7. Fulvio Freschi ha detto:

    Aggiornati alla settimana 38 i dati Covid 2021.
    La settimana è proseguita con un incoraggiante miglioramento in molti parametri delle regioni, in altre gli aumenti sono meno pronunciati: alcune curve stanno ancora crescendo ma più lentamente, con minore pendenza, altre piegano verso il basso, stanno calando. Invece prosegue la crescita dei NUOVI POSITIVI, dei Ricoveri, e anche i Decessi sono in moderata crescita percentuale.
    La SICILIA ha superato tutte le soglie di incidenza e di ricoveri, dal 30 agosto è in “zona gialla”, ma già decine di Comuni già c’erano, e altri in zona arancione o rossa; CALABRIA e SARDEGNA cui si aggiunge MARCHE hanno superato una delle soglie di Ricoveri, e tendono sempre più alla transizione in zona Gialla, se proseguirà l’aggravamento dei propri indicatori; MARCHE corre meno rischi perchè l’altro parametro è molto al di sotto della soglia. La P.A di Bolzano (l’Alto Adige) sembra in apparente difficoltà, ma non è cosi, i numeri sono talmente piccoli che anche la variazione di poche unità in più viene raffigurata come un aumento enorme: se un parametro da 1 passa a 2, è un incremento del 100%, ma l’effetto è scarso; così molti divulgatori maneggiano i dati per dimostrare quello che vogliono.
    Prosegue l’estensione del GREEN PASS, di pari passo proseguono le proteste e le manifestazioni dei NO-VAX, NON-VAX (chi si oppone a tutti i vaccini, o solo a queli Covid), NI-VAX (gli indecisi).
    ISS ha aggiornato il report “Monitoraggio”, che indica gli effetti positivi delle vaccinazioni, più evidenti verso gli esiti più gravi (ricovero, decessi) ma poco protettivi contro i contagi, e solo la prima dose non è particolarmente protettiva. A breve comincerà la “terza dose” per chi è stato vaccinato 9 mesi fa, e per i “fragili”.
    Ne analizziamo le risultanze nel Testo dentro l’articolo “Dati Covid 2021”, a destra in alto (2 file: “Settimana 38”, Testo e Grafici), un po’ differenti dagli altri report delle settimane scorse..

  8. Fulvio Freschi ha detto:

    Ho inserito nell’articolo Dati Covid 2020 il fascicolo “le Lotte dei Pensionati n° 7 – settembre 2021” nel quale a pag. 9 è riportato un articolo a mio nome su un approfondimento dei “DECESSI COVID nell’anno 2020”, sui riflessi sul sistema sanitario nel suo complesso (i malati NON COVID), e si fa riferimento alla trattazione completa, ospitata in questo sito,
    E’ citato Franco Spirito, animatore di questo forum un tempo importante e ora un po’ in declino che speriamo di rianimare facendolo conoscere a una platea piuttosto ampia di pensionati e pensionate che leggono la rivista (per gli affezionati, LdP) creata 19 anni fa dal grande Ezio Gallori, ex macchinista delle FF.SS. e sindacalista di prim’ordine.
    L’articolo citato è in continua evoluzione, spesso chi fornisce i dati li “consolida”, cioè li modifica, in questo sito c’è la versione più vecchia (anche l’articolo su LdP è un po’ datato), li sto aggiornando e correggo alcuni errori e sarà disponile spero tra breve, con un vista sull’evoluzione delle pandemia nel 2021. Abbiate pazienza…

  9. fufforoma ha detto:

    Il report COVID della settimana 39/2021 è stato ritirato, in quanto si è riscontrato un errore sistematico che aveva alterato quasi tutti i valori. Verrà ripristinato non appena riparato.

  10. fufforoma ha detto:

    Aggiornati alla settimana 39 i dati Covid 2021.
    La settimana è proseguita con un incoraggiante miglioramento in quasi tutti i parametri delle Regioni e P.A.: quasi tutte le curve piegano verso il basso, i numeri stanno calando. Si verificano ancora oltre 24 mila NUOVI POSITIVI nella settimana, si stanno riducendo gli indici di occupazione dei Posti Letto, e anche i Decessi sono in leggero rallentamento.
    La SICILIA sta migliorando, rimane però in “zona gialla”; CALABRIA e P.A. Bolzano (l’Alto Adige) continuano ad avere indicatori peggiori degli altri territori.
    Prosegue l’estensione del GREEN PASS, di pari passo proseguono le proteste e le manifestazioni dei NO-VAX, NON-VAX (chi si oppone a tutti i vaccini, o solo a queli Covid), NI-VAX (gli indecisi).
    ISS ha aggiornato i propri report di Monitoraggio, che indicano gli effetti positivi delle vaccinazioni, più evidenti verso gli esiti più gravi (ricovero, decessi) ma poco protettivi contro i contagi, e solo la prima dose non è particolarmente protettiva. Si ricorda che le vaccinazioni impiegano mediamente 14 giorni per essere pienamente funzionanti, così i Green Pass, anche se disponibili entro una decina di giorni, sono attivi solo dopo 15 giorni.
    Si è iniziato ad iniettare la “terza dose” per chi è stato vaccinato 9 mesi fa, e per i “fragili”.
    Ne analizziamo le risultanze nel Testo dentro l’articolo “Dati Covid 2021”, a destra in alto (2 file: “Settimana 39”, Testo e Grafici).

  11. Rod ha detto:

    RESTITUIRE LO SCATTO CONGELATO (2013) A TUTTI I LAVORATORI DELLA SCUOLA, IN SERVIZIO E IN PENSIONE
    RISCOSSIONE DELLA BUONUSCITA (TFS – TFR) SUBITO A TUTTI I LAVORATORI STATALI
    Mentre la disputa sul GREEN PASS produce l’effetto voluto come arma di distrazione di massa, noi vogliamo riportare l’attenzione dei lavoratori, in servizio o già in pensione, su due questioni legate al reddito ed ancora irrisolte: IL CONGELAMENTO DELLO SCATTO DI ANZIANITA’ DEL 2013, che non ha permesso a molti pensionati il raggiungimento dell’ultimo livello stipendiale e che continua a sottrarre un anno di progressione a chi è ancora in servizio. I lavoratori perdono così somme rilevanti, soprattutto se messe in relazione alle loro esigue retribuzioni.
    IL MINISTRO BIANCHI SI RICORDERA’ DI SANARE QUESTO TORTO ORA CHE SI VA VERSO LA DEFINIZIONE DEL NUOVO CONTRATTO CHE I LAVORATORI DELLA SCUOLA ATTENDONO DA TRE ANNI? SARA’ LA VOLTA BUONA PER ELIMINARE QUESTA INGIUSTIZIA?
    Segnaliamo inoltre quanto sia iniqua l’attesa per il pagamento della buonuscita (TFS – TFR) dovuta a tutti i lavoratori statali, una somma che spetta di diritto che invece viene tenuta sotto sequestro mediamente PER 24 MESI, a cui si aggiungono i tre mesi che l ‘INPS si riserva per “elaborare la pratica”, quasi due anni di tempo fossero poca cosa!
    Inoltre, per chi è andato in pensione con QUOTA 100 l’attesa del proprio TFS può arrivare a 7 ANNI , quelli che servono per raggiungere i 67 anni, età limite per la pensione.
    Per ovviare a ciò si è istituita la legge sull’anticipo ma LA LEGGE SULL’ANTICIPO DEL TFS NON HA CAMBIATO LA SITUAZIONE PER LA RISCOSSIONE DELLA SECONDA RATA CHE CONTINUA AD ESSERE SOTTO SEQUESTRO PER ANNI E ANNI!
    Cosi, mentre un lavoratore del settore privato riceve immediatamente la propria liquidazione, i dipendenti pubblici devono subire anche questa angheria, che risale ad un intervento legislativo del governo Monti, in un momento che avrebbe dovuto essere “emergenziale”.
    CONSIDERIAMO INOLTRE UNA VERGOGNA CHE QUOTA 100 DEBBA ESSERE DIFESA SOLTANTO DA SALVINI. COSTA TROPPO, VIENE RIPETUTO DAI FALCHI ALLA GUIDA DELLE ATTUALI POLITICHE NEOLIBERISTE!
    In realtà sono circa 267mila i lavoratori andati in pensione con Quota 100, un numero molto inferiore rispetto alle previsioni legate alla misura del Governo giallo-verde che stimavano nel triennio quasi un milione di uscite.
    (…)
    “Nel solo 2020 i lavoratori usciti con Quota 100 sono stati 117.034, un numero inferiore a quelle andate a riposo con la pensione anticipata (176.924) ovvero dopo aver raggiunto 42 anni e 10 mesi di contributi (41 anni e 10 mesi se donna) e aver atteso il periodo di finestra mobile” (notizia ANSA).
    Infine, al tema dei pensionamenti tardivi si salda quello del PRECARIATO, che continua anche dopo l’immissione in ruolo perché, quando si approda al lavoro a tempo indeterminato si deve stare fermi tre anni nella prima sede assegnata, magari molto lontana dalla propria residenza, per una sorta di perverso gioco dell’oca, che non tiene in nessun conto il disagio dei lavoratori.
    ESORTIAMO TUTTI I LAVORATORI PUBBLICI, IN SERVIZIO O IN QUIESCENZA, A BATTERSI PER RIPRENDERSI I PROPRI DIRITTI NEGATI, RESTITUZIONE SUBITO DELLO SCATTO SCIPPATO DELL’ANNO 2013 E RINNOVO CONTRATTUALE DIGNITOSO !
    LIQUIDAZIONE TFR/TFS IMMEDIATA PER I LAVORATORI PUBBLICI COME GIA’ AVVIENE NEL PRIVATO !
    CHIEDIAMO CHE I SOLDI DEL PNRR VENGANO USATI PER UNA GIUSTA POLITICA DEI REDDITI DA LAVORO E DA PENSIONE E NON PER ARRICCHIRE LA PARTE PIU’ RICCA DEL PAESE !
    ESORTIAMO TUTTI I LAVORATORI PUBBLICI A SOSTENERE LO SCIOPERO DI TUTTO IL SINDACALISMO DI BASE DEL PROSSIMO 11 OTTOBRE !
    Giovanna Lo Presti portavoce Cub s.u.r. Scuola Università Ricerca
    Rodolfo Giannattasio Comitato Scuola Diritto alla Pensione (COSDIP)

    seguono firme di alcuni lavoratori ed ex lavoratori pubblici
    Anna Lo Piccolo Palermo Luciana Angioni Roma
    Erina Braghese Roma Mauro Esposito Genova
    Santi Briulotta Busto Arsizio Rosa Tumminello Roma
    Andrea Bacco Padova Lucia Rubino Palermo
    Guido Mina Cuneo Patrizia Beltrame Venezia

  12. fufforoma ha detto:

    Aggiornati alla settimana 40 i dati Covid 2021.
    La settimana è proseguita con un incoraggiante miglioramento in quasi tutti i parametri delle Regioni e P.A.: quasi tutte le curve piegano verso il basso, i numeri stanno calando.
    Si verificano ancora oltre 21 mila NUOVI POSITIVI nella settimana, si stanno riducendo gli indici di occupazione dei Posti Letto, e anche i Decessi sono in leggero rallentamento.
    La SICILIA sta migliorando, rimane però in “zona gialla”; CALABRIA e P.A. Bolzano (l’Alto Adige) continuano ad avere indicatori peggiori degli altri territori.
    Prosegue l’estensione del GREEN PASS, di pari passo proseguono le proteste e le manifestazioni dei NO-VAX, NON-VAX (chi si oppone a tutti i vaccini, o solo a queli Covid), NI-VAX (gli indecisi).
    ISS ha aggiornato i propri report di Monitoraggio, che indicano gli effetti positivi delle vaccinazioni, più evidenti verso gli esiti più gravi (ricovero, decessi) ma poco protettivi contro i contagi, e solo la prima dose non è particolarmente protettiva. Si ricorda che le vaccinazioni impiegano mediamente 14 giorni per essere pienamente funzionanti, così i Green Pass, anche se disponibili entro una decina di giorni, sono attivi solo dopo 15 giorni.
    Si è iniziato ad iniettare la “terza dose” per chi è stato vaccinato 9 mesi fa, e per i “fragili”.
    Ne analizziamo le risultanze nel Testo dentro l’articolo “Dati Covid 2021”, a destra in alto (2 file: “Settimana 40”, Testo e Grafici).

  13. Rod ha detto:

    Ecco il link all’articolo pubblicato oggi sul Manifesto
    Questo testo viene diffuso in alcune scuole della provincia di Varese e Milano,da qui allo sciopero dell’11 ottobre prossimo,invitiamo a diffonderlo anche chi lo legge qui,grazie
    https://ilmanifesto.it/lettere/restituire-gli-scatti-congelati-nella-scuola-e-la-buonuscita-agli-statali/

  14. fufforoma ha detto:

    Aggiornati alla settimana 41 i dati Covid 2021.
    La settimana è proseguita con un incoraggiante miglioramento in quasi tutti i parametri delle Regioni e P.A.: quasi tutte le curve piegano verso il basso, i numeri stanno calando.
    Si verificano ancora oltre 18 mila NUOVI POSITIVI nella settimana, si stanno riducendo gli indici di occupazione dei Posti Letto, e anche i Decessi sono in leggero rallentamento.
    La SICILIA è rientrata in “zona bianca” visto che i suoi indicatori migliorano; CALABRIA e P.A. Bolzano (l’Alto Adige) continuano ad avere indicatori peggiori degli altri territori.
    Prosegue l’estensione del GREEN PASS, di pari passo proseguono le proteste e le manifestazioni dei NO-VAX, NON-VAX (chi si oppone a tutti i vaccini, o solo a queli Covid), NI-VAX (gli indecisi). Le manifestazioni “NO GREEN PASS” di sabato 9, strumentalizzate dall’estrema destra, a Roma hanno portato a gravi incidenti: la devastazione delle infrastrutture informatiche della sede nazionale della CGIL, e danni al Pronto soccorso del Policlinico Umberto primo.
    ISS ha aggiornato i propri report di Monitoraggio, che indicano gli effetti positivi delle vaccinazioni, più evidenti verso gli esiti più gravi (ricovero, decessi) ma poco protettivi contro i contagi, e solo la prima dose non è particolarmente protettiva. Si ricorda che le vaccinazioni impiegano mediamente 14 giorni per essere pienamente funzionanti, così i Green Pass, anche se disponibili entro una decina di giorni, sono attivi solo dopo 15 giorni.
    Si è iniziato ad iniettare la “terza dose” per chi è stato vaccinato 9 mesi fa, e per i “fragili”.
    Ne analizziamo le risultanze nel Testo dentro l’articolo “Dati Covid 2021”, a destra in alto (2 file: “Settimana 41”, Testo e Grafici).

  15. fufforoma ha detto:

    Aggiornati alla settimana 42 i dati Covid 2021.
    La settimana è proseguita con un incoraggiante miglioramento in quasi tutti i parametri delle Regioni e P.A.: quasi tutte le curve piegano verso il basso, i numeri stanno calando. Anche se non ufficialmente, l’emergenza si può considerare in via di conclusione, ma rimangono alcuni effetti negativi: nuovi contagi, ricoveri, decessi e una moltitudine di ancora isolati domiciliari.
    Si verificano ancora oltre 17 mila NUOVI POSITIVI nella settimana, si stanno riducendo gli indici di occupazione dei Posti Letto, e anche i Decessi sono in leggero rallentamento.
    P.A. Bolzano (l’Alto Adige),CALABRIA, SICILIA, FRIULI VENEZIA GIULIA, VALLE d’AOSTA continuano ad avere indicatori peggiori degli altri territori.
    Prosegue l’estensione del GREEN PASS, di pari passo proseguono le proteste e le manifestazioni dei NO-VAX, NON-VAX (chi si oppone a tutti i vaccini, o solo a queli Covid), NI-VAX (gli indecisi). Le manifestazioni “NO GREEN PASS” si susseguono nelle piazze, nei posti e nei cantieri di lavoro, aumentano a dismisura i certificati di malattia per evitare il doppio-triplo tampone settimanale, forse qualcuno ha pensato ad aspettative retribuite, chissà che altro si potranno inventare gli irrriducibili.
    ISS ha aggiornato i propri report di Monitoraggio, che indicano gli effetti positivi delle vaccinazioni, più evidenti verso gli esiti più gravi (ricovero, decessi) ma poco protettivi contro i contagi, e solo la prima dose non è particolarmente protettiva. Si ricorda che le vaccinazioni impiegano mediamente 14 giorni per essere pienamente funzionanti, così i Green Pass, anche se disponibili entro una decina di giorni, sono attivi solo dopo 15 giorni.
    Si è iniziato ad iniettare la “terza dose” per chi è stato vaccinato 9 mesi fa, e per i “fragili”.
    Ne analizziamo le risultanze nel Testo dentro l’articolo “Dati Covid 2021”, a destra in alto (2 file: “Settimana 42”, Testo e Grafici).


Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.