Homepage new

Anche l’ultimo Quota96 ha raggiunto il traguardo.

Ripubblico una vignetta che misi nel 2012, stavolta speriamo che la strada che abbiamo davanti sia comoda e lunga …

Abbiamo terminato la nostra odissea, il blog resta per chi ancora vuole scambiarsi notizie e restare in contatto con “amici” e compagni che hanno condiviso questi quasi 8 anni di sofferenza e lotte.
Una delle tante sconfitte dei lavoratori sul fronte delle pensioni, il portafoglio più facile dove pescare, che i tutti i governi hanno usato, per fare cassa.

Saranno pubblicati a tutti/tutte articoli, analisi e/o proposte articolate. (devono essere firmati).

Il sito non costituisce testata giornalistica, non ha comunque carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001.” Le foto e i contenuti sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione dei contenuti.

6.371 commenti on “Homepage new”

  1. fufforoma ha detto:

    Aggiornati alla settimana 16/2022 i dati Covid-19.
    La situazione è in moderato miglioramento.
    I dati pubblicati da Protezione civile e ISS documentano a livello nazionale che l’andamento delle curve si è avviato verso il calo di Ricoveri, Contagi semplici (quelli che provocano disturbi lievi che richiedono l’Isolamento domiciliare, dal quale comunque si esce abbastanza facilmente), Terapie intensive e degli Isolati domiciliari, e la più lenta crescita dei Decessi.
    A livello nazionale, la maggior parte dei NUOVI POSITIVI è finita in ISOLAMENTO DOMICILIARE (99%) ma non sono documentati gli ISOLATI FIDUCIARI, a “contatto stretto” con POSITIVI per tempi sufficienti ad essere contagiati.
    Le strutture sanitarie predisposte sono occupate mediamente al 15,5% (Area non critica) e 4,6% (Terapia intensiva).
    Tra i Nuovi positivi, le fasce d’età scolari, 0-9 e 10-19 anni, continuano ad essere le più colpite dai contagi, in forma lieve perchè sono quelle meno soggette ai ricoveri. Solo il 31,7% della classe d’età 5-11 è vaccinata , la crescita delle vaccinazioni è lentissima, segno che la maggior parte dei genitori non crede nei vaccini?
    I report dell’ISS indicano che la protezione offerta dai vaccini va scemando, sono sempre più numerosi i contagiati VACCINATI anche con dose “booster” che vanno in Ricovero, anche in Terapia intensiva: pare che Omicron e le sue varianti riescano a ”bucare” con facilità la protezione vaccinale: sono ancora molto numerosi i contagiati isolati domiciliari, asintomatici e paucisintomatici. Molti test rapidi risultano “falsi negativi”, arrivano prima i sintomi che la conferma col molacolare.
    Dal 31 marzo è cessato lo Stato d’emergenza, si allenteranno man mano le restrizioni, ma con questi numeri non sembra una buona scelta: è probabile che le valutazioni vengano fatte su dati vecchi, non attuali, il Report specifica meglio quali siano i dati “freschi” (da Protezione civile) e quali “non aggiornati”, probabilmente verificati, corretti e validati dal Ministero della Salute, ma non idonei per scelte così importanti.
    Siamo in fase calante ma si può temere una ripresa della pandemia, che è ben lontana dall’essersi spenta, a causa dei contatti sicuramente aumentati tra parenti e amici, per le festività pasquali. Lo vedremo le prossime settimane.
    Vedi, a destra: Articoli recenti, Dati Covid 2021 e 2022, settimana 16/2022 (2 file: Grafici e Testo)

  2. fufforoma ha detto:

    Aggiornati alla settimana 17/2022 i dati Covid-19.
    La situazione è in moderata stabilità.
    I dati pubblicati da Protezione civile e ISS documentano a livello nazionale che l’andamento delle curve varia dall’aumento dei Ricoveri, Contagi semplici (quelli che provocano disturbi lievi che richiedono l’Isolamento domiciliare, dal quale comunque si esce abbastanza facilmente) e un leggero aumento della crescita dei Decessi, e a un calo delle Terapie intensive e degli Isolati domiciliari,
    A livello nazionale, la maggior parte dei NUOVI POSITIVI è finita in ISOLAMENTO DOMICILIARE (99%) ma non sono documentati gli ISOLATI FIDUCIARI, a “contatto stretto” con POSITIVI per tempi sufficienti ad essere contagiati.
    Le strutture sanitarie predisposte sono occupate mediamente al 15,5% (Area non critica) e 4,4% (Terapia intensiva).
    Tra i Nuovi positivi, le fasce d’età scolari, 0-9 e 10-19 anni, continuano ad essere le più colpite dai contagi, in forma lieve perchè sono quelle meno soggette ai ricoveri. Solo il 31,8% della classe d’età 5-11 è vaccinata , la crescita delle vaccinazioni è lentissima, segno che la maggior parte dei genitori non crede nei vaccini?
    I report dell’ISS indicano che la protezione offerta dai vaccini va scemando, sono sempre più numerosi i contagiati VACCINATI anche con dose “booster” che vanno in Ricovero, anche in Terapia intensiva: pare che Omicron e le sue varianti riescano a ”bucare” con facilità la protezione vaccinale: sono ancora molto numerosi i contagiati isolati domiciliari, asintomatici e paucisintomatici. Molti test rapidi risultano “falsi negativi”, arrivano prima i sintomi che la conferma col molacolare.
    Dal 31 marzo è cessato lo Stato d’emergenza, si allenteranno man mano le restrizioni, ma con questi numeri non sembra una buona scelta: è probabile che le valutazioni vengano fatte su dati vecchi, non attuali, il Report specifica meglio quali siano i dati “freschi” (da Protezione civile) e quali “non aggiornati”, probabilmente verificati, corretti e validati dal Ministero della Salute, ma non idonei per scelte così importanti.
    Siamo in fase calante ma si può temere una ripresa della pandemia, che è ben lontana dall’essersi spenta, a causa dei contatti sicuramente aumentati tra parenti e amici, per le festività pasquali; è ancora presto perchè i tempi di incubazione e di comparsa sintomi richiedono alcuni giorni. Lo vedremo le prossime settimane.
    Vedi, a destra: Articoli recenti, Dati Covid 2021 e 2022, settimana 17/2022 (2 file: Grafici e Testo)

  3. fufforoma ha detto:

    Aggiornati alla settimana 18/2022 i dati Covid-19.
    La situazione è in moderata stabilità.
    I dati pubblicati da Protezione civile e ISS documentano a livello nazionale che l’andamento delle curve varia dall’aumento degli Isolati domiciliari e un leggero aumento della crescita dei Decessi, a un calo dei Ricoveri e una crescita meno veloce dei NUOVI CASI POSITIVI, dei quali il 99% sono stati Contagi semplici che provocano disturbi lievi che richiedono l’Isolamento domiciliare. Le strutture sanitarie predisposte sono occupate mediamente al 15,5% (Area non critica) e 4,1% (Terapia intensiva).
    Tra i Nuovi positivi, tra le fasce d’età scolari, quella 10-19 anni continua ad essere tra le più colpite dai contagi, in forma lieve perché quelle giovanili sono meno soggette ai ricoveri, viceversa quella 0-9 ha avuto un notevole miglioramento; non è chiaro se le chiusure pasquali ne sono la causa. Solo il 31,9% della classe d’età 5-11 è vaccinata, la crescita delle vaccinazioni è lentissima, segno che la maggior parte dei genitori non crede nei vaccini?
    I report dell’ISS indicano che la protezione offerta dai vaccini va scemando, sono sempre più numerosi i contagiati VACCINATI anche con dose “booster” che vanno in Ricovero, anche in Terapia intensiva: pare che Omicron e le sue varianti riescano a ”bucare” con facilità la protezione vaccinale: sono ancora molto numerosi i contagiati isolati domiciliari, asintomatici e paucisintomatici. Molti test rapidi risultano “falsi negativi”, arrivano prima i sintomi che la conferma col molecolare.
    Dal 31 marzo è cessato lo Stato d’emergenza, dal 1° maggio si rallentano le restrizioni, ma con questi numeri non sembra una buona scelta: è probabile che le valutazioni vengano fatte su dati vecchi, non attuali, il Report specifica meglio quali siano i dati “freschi” (da Protezione civile) e quali “non aggiornati”, probabilmente verificati, corretti e validati dal Ministero della Salute, ma non idonei per scelte così importanti.
    Siamo in fase calante ma si può temere una ripresa della pandemia, che è ben lontana dall’essersi spenta: è ancora presto per verificare se i contatti sicuramente aumentati tra parenti e amici per le festività pasquali possono aver incrementato la diffusione dei contagi, perché i tempi di incubazione e di comparsa sintomi richiedono alcuni giorni. Lo vedremo le prossime settimane.
    Vedi, a destra: Articoli recenti, Dati Covid 2021 e 2022, settimana 18/2022 (2 file: Grafici e Testo)

  4. carla ha detto:

    Dal “vecchio”, carissimo Fraver:
    https://www.tecnicadellascuola.it/decreto-formazione-contratto-scaduto-inflazione-guerra-la-futura-poverta-dei-docenti Per non dimenticare i “vecchi” colleghi e le nostre “passate” lotte, e che tutto cio’ riguarda anche i pensionati attuali e futuri!

  5. fufforoma ha detto:

    Aggiornati alla settimana 19/2022 i dati Covid-19.
    La situazione è in moderato miglioramento.
    I dati pubblicati da Protezione civile e ISS documentano che gli andamenti delle curve nazionali stanno andando verso il calo, con poche eccezioni regionali.
    Le strutture sanitarie predisposte sono occupate mediamente al 14,4% (Area non critica, con numerosi valori oltre le soglie di cautela) e 3,9% (Terapia intensiva).
    Tra i Nuovi positivi, tra le fasce d’età scolari, quella 10-19 anni continua ad essere tra le più colpite dai contagi, in forma lieve perché quelle giovanili sono meno soggette ai ricoveri, viceversa quella 0-9 ha avuto un notevole miglioramento; non è chiaro se le chiusure pasquali ne sono la causa. Solo il 31,9% della classe d’età 5-11 è vaccinata, la crescita delle vaccinazioni è lentissima, segno che la maggior parte dei genitori non crede nei vaccini?
    I report dell’ISS indicano che la protezione offerta dai vaccini va scemando, sono sempre più numerosi i contagiati VACCINATI anche con dose “booster” che vanno in Ricovero, anche in Terapia intensiva: pare che Omicron e le sue varianti riescano a ”bucare” con facilità la protezione vaccinale: sono ancora molto numerosi i contagiati isolati domiciliari, asintomatici e paucisintomatici. Le vaccinazioni dei bimbi non sembra che li proteggano per i contagi, anzi in proporzione sono più numerosi tra i vaccinati che tra i non vaccinati, a quell’età quasi tutti hanno preso vaccinazioni specifiche che forse hanno già stimolato alcune difese.
    Siamo in fase calante ma si può temere una ripresa della pandemia, che è ben lontana dall’essersi spenta: i contatti sicuramente aumentati tra parenti e amici per le festività pasquali pare non abbiano incrementato la diffusione dei contagi, i sintomi si sarebbero già presentati, invece per le adunate di massa del Primo maggio è ancora presto… vedremo.
    Vedi, a destra: Articoli recenti, Dati Covid 2021 e 2022, settimana 19/2022 (2 file: Grafici e Testo)

  6. Francesco Vertillo ha detto:

    Grazie Carla, ormai una voce fuori dal co…ro…

  7. fufforoma ha detto:

    Aggiornati alla settimana 20/2022 i dati Covid-19.
    La situazione è in discreto miglioramento.
    I dati pubblicati da Protezione civile e ISS documentano che gli andamenti delle curve nazionali stanno andando verso il calo, con poche eccezioni regionali.
    Le strutture sanitarie predisposte sono occupate mediamente al 12,6% in Area non critica, con numerosi valori oltre le soglie di cautela, e 3,7% in Terapia intensiva.
    Tra i Nuovi positivi, in diminuzione, tra le fasce d’età scolari, quella 10-19 anni continua ad essere la più colpita dai contagi, e quella 0-9 migliora meno delle altre fasce d’età; in forma lieve perché quelle giovanili sono meno soggette ai ricoveri. Solo il 32% della classe d’età 5-11 è vaccinata, la crescita delle vaccinazioni è lentissima, segno che la maggior parte dei genitori non crede nei vaccini?
    I report dell’ISS indicano che la protezione offerta dai vaccini va scemando, sono sempre più numerosi i contagiati VACCINATI anche con dose “booster” che vanno in Ricovero, anche in Terapia intensiva: pare che Omicron e le sue varianti riescano a ”bucare” con facilità la protezione vaccinale: sono ancora molto numerosi i contagiati isolati domiciliari, asintomatici e paucisintomatici. Le vaccinazioni dei bimbi non sembra che li proteggano per i contagi, anzi in proporzione sono più numerosi tra i vaccinati che tra i non vaccinati, a quell’età quasi tutti hanno preso vaccinazioni specifiche che forse hanno già stimolato alcune difese.
    Siamo in fase calante, le festività pasquali e le affollate manifestazioni di massa pare non abbiano incrementato la diffusione dei contagi.
    Vedi, a destra: Articoli recenti, Dati Covid 2021 e 2022, settimana 20/2022 (2 file: Grafici e Testo)


Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.