Homepage new

Quota96

AI VOSTRI NO, 3.976 QUOTA 96 CERTIFICATI 

RISPONDONO CON UN NO!

… e NO è stato, il “bomba” cacciato!

b2cvauqiiaazut6

La Giannini licenziata …  ora a chi tocca

gentfedeli

Gentiloni e Fedeli vediamo se anche voi farete la loro fine. Se non pensionate Quota96, non modificate la Buona S(cu)ola mi sa che potrete mangiare il panettone ma alla colomba non ci arrivate.

 Tutti i Quota96 in pensione! Precari assunti!

LA LOTTA CONTINUA

Saranno pubblicati a tutti tutte articoli, analisi e/o proposte articolate. (devono essere firmati).

Il sito non costituisce testata giornalistica, non ha comunque carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001.” Le foto e i contenuti sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione dei contenuti.

1.485 commenti on “Homepage new”

  1. Francesco Vertillo scrive:

    Mi dispiace per la tua pastiera e il tuo compleanno ma sono venuto a Bologna per il ginocchio e mi e’ venuta l’influenza. Penso comunque che Ryanair non passi dalla Val Bisenzio,forse per il ghiaccio!?!?Comunque,ghiaccio anche a Bologna,dopo averlo lasciato a casa. Per una settimana,con tubi gelati e scarichi intasati..
    Almeno sono in vacanza,seppur malato!
    Auguri,Fraspi,per i tuoi primi 65anni!

    • carla scrive:

      Fraver, non vorrei che il tuo ginocchio ne risentisse, ma pare che oggi, in CDM, la prima cosa che gentiloni farà, reduce dall’intervento di angioplaastica, sarà quella di discutere (credo voglia dire “approvare”) cinque decreti attuattivi della bona sola!
      Al tuo posto, per consolarmi, salterei su un’auto o un treno e andrei a mangiare la pastiera di Fraspir, ea festeggiare con lui, degnamente, i suoi primi 65!

  2. Francesco Vertillo scrive:

    Si Carla,ma intanto ho preso l’influenza “bolognese” e il cdm,invece di 5,ne ha varate 8 di deleghe!
    E il sostituto di nanni-cinico,tale leonardi.

  3. Francesco Vertillo scrive:

    Catla,scusa ma hai sbagliato post,c’e’ il 2 su pensioni

  4. Francesco Vertillo scrive:

    Ed io ho sbagliato a battere, Carla e non catla!

    • carla scrive:

      Scusa, Fraver, ma mi sa che me lo hai mandato due volte, e io spesso prima pubblico e poi leggo. Poi cancello dalle email, per non intasare la casella di posta. Se vuole Fraspir lo cancella. Di Cattia non mi ero neppure accorta!

  5. quota96 scrive:

    io non cancello nulla:
    https://www.google.it/amp/www.ilsussidiario.net/mobile/Lavoro/2017/1/14/Riforma-pensioni-novita-2017-Pensioni-anticipate-l-attesa-per-le-istruzioni-del-Miur-ultime-notizie-live-e-news-oggi-14-gennaio-/742185/AMP/
    Tutto quello che vorreste sapere sul…le pensioni e non avete osato chiedere!
    Con critica ai sindacati per inerzia contro fonero..

    http://www.orizzontescuola.it/psp-no-al-perfezionamento-della-legge-107-no-alle-deleghe/
    Per continuare a dire NO!

    http://www.ilsussidiario.net/News/Lavoro/2017/1/14/Riforma-pensioni-novita-2017-Pensioni-anticipate-l-attesa-per-le-istruzioni-del-Miur-ultime-notizie-live-e-news-oggi-14-gennaio-/742185/
    Altri aggiornamenti su pensioni e pensionamenti: vicinanza cgil-lega (?), ricogiunzioni gratuite per giornalisti (ma va?),ma stavolta devono raggiungere anche loro 42-43 anni
    … in effetti il link di stamane è lo stesso di quello della email di oggi pomeriggio.

  6. quota96 scrive:

    Da FraVer:
    http://m.flcgil.it/rassegna-stampa/nazionale/l-abbandono-della-scuola-al-tempo-dell-abdicazione-della-politica.flc
    Cita Marx,ma da destra. Pero’la verita’ non sta ma da una sola parte,e l’analisi da’ spunti per “tentare” di tornare ad una scuola “pubblica”

    http://m.orizzontescuola.it/pensioni-requisiti-per-il-diritto-al-pensionamento-nel-2018-e-2019/
    Per i quota96 che rimarranno in servizio al 1sett.2017…
    … oggi solo Francesco ha voglia di proporre e discutere?
    Altri spunti:

    http://m.orizzontescuola.it/confindustria-propone-di-usare-i-voucher-anche-per-i-docenti-nella-scuola-uil-una-dichiarazione-di-guerra/
    Allora si che i uilllini faranno la rivoluzione!

    http://www.orizzontescuola.it/unione-studenti-iniziative-di-protesta-contro-deleghe-della-legge-107/
    Sperando che sindacati e studenti non si facciano gli scioperi da soli,magari in date diverse!

    • carla scrive:

      Confindustria fa il suo lavoro, che è quello di rappresentare i grandissimi……. Aggiungete voi, a scelta. Quello che mi fa incazzare ancora di più è la “risposta neutra” della ministra! Oggi, a Davos, gli otto magnaccia planetari si sono accorti che forse qualcosa non va, se in otto possiedono l’equivalente di ciò che hanno TRE MILIARDI DI PERSONE. A casa mia, a tavola, si è aperto il dibatito su cosa fare in proposito. La proposta più radicale l’ho fatta io: arrestarli subito, condurli davanti a un tribunale (mondiale) del popolo, spogliarli dei propri averi spropositati, e distribuirli ai tre miliardi di persone. Della sorte successiva dei bastardi schiavisti e ladri non me ne può fregare di meno, anche se non mi dispiacerebbe vederli ai lavoi forzati a vita, a vantaggio delle comunià sparse nel mondo. E che nessuno invchi ildiritto a mantenere queste ricchezze “guadagnate col duro lavoro”! Di chi? CI DEVE ESSERE UN LIMITE ALLA RICCHEZZA, SE QUESTA AFFAMA IL RESTO DEL MONDO.

  7. Francesco Vertillo scrive:

    A Fra’,mi pare che non sia solo oggi che non c’e’ voglia di discutere…poi ci lamentiamo che decidono sulle nostre teste!

    • carla scrive:

      Dimenticavo: bello quel “vogliamo essere inFEDELI: anch’io, anch’io! SONO PIU’ CHE ARRABBIATA, PER TUTTO, SONO INFEROCITA!!

    • quota96 scrive:

      328 visite, di 138 visitatori, 5 commenti, 112 link utilizzati (62 verso Orizz. Scuola). Siamo internazionali perché abbiamo lettori da Birmania e U.S.
      Leggono, visitano i link che proponiamo, ma non discutono … speriamo che lottino …

  8. carla scrive:

    FRANCO POTREBBE DIRE CHE BASTAVA IL LINK PER QUESTO ATICOLO DI MARINA BOSCAINO SU IL FATTO QUOTIDIANO.
    MA SICCOME LA DISCUSSIONE SAREBBE FONDAMENTALE DOPO IL BLITZ DEL GOVERNO SULLA SCUOLA, E NON E’ CHE IL BLOG SIA INONDATO DI POST, IO LO COPIO TUTTO. VOGLIAMO MUOVERCI, O NO, COMPAGNI?

    La definitiva smentita di tutti coloro che avevano creduto che la nomina di Valeria Fedeli a ministro dell’Istruzione in sostituzione di Stefania Giannini avrebbe prodotto un cambiamento di rotta sulle politiche scolastiche è arrivata puntualmente sabato 14 gennaio, quando il Consiglio dei ministri ha approvato 8 delle 9 deleghe previste dalla legge 107/15 (la cosiddetta Buona Scuola) su altrettante materie fondamentali per il sistema scolastico di istruzione: esame di Stato, istruzione professionale, valutazione, diritto allo studio, per dirne solo alcune. Tra tutti spiccano i provvedimenti relativi all’inclusione scolastica e al percorso 0-6, sui quali da lungo tempo una parte consistente della scuola aveva espresso fortissime perplessità e resistenze e di cui occorrerà parlare diffusamente per illustrarne la pericolosità. Ma, non pago dell’autoritarismo con il quale fu approvata la legge più odiosa (quanto a normativa scolastica) della storia della Repubblica, il governo Gentiloni si è pervicacemente allineato con quell’atteggiamento che – ricordiamolo – è stato uno dei motivi del mai discusso ed analizzato pubblicamente flop referendario del 4 dicembre.
    Alcune rapide questioni solo apparentemente periferiche: non è vero fino in fondo che la nomina di Fedeli sia stata un evento in perfetta continuità. La sua provenienza sindacale (Cgil, tessili) ha consentito nei primissimi giorni del suo mandato di riallacciare un dialogo con le parti sociali, che ha fatto registrare modifiche per quanto riguarda il contratto di mobilità. In altre parole, la funzione del cambio di guardia non è stata, come alcuni hanno creduto, un’ammissione di responsabilità del disastro che il governo Renzi ha creato nella scuola pubblica (non a caso la riforma non è mai stata rivendicata nei continui autoincensamenti pronunciati in prossimità delle sue dimissioni, sia la sera del 4 dicembre, sia durante la seguente Direzione del Pd). Rimarrà da valutare se tale ritrovata armonia sarà sufficiente per far considerare ai sindacati confederali la gravissima approvazione delle deleghe un fatto di peso non sufficientemente decisivo da intaccare gli equilibri che si sono venuti a creare.
    Inoltre: con ostinazione quasi incomprensibile, l’ennesimo governo frutto della fiducia di un Parlamento profondamente delegittimato dalla sentenza 1/14 della Corte Costituzionale, definito in silenzio, senza contraddittorio, soprattutto senza alcun tipo di sensibilità rispetto agli esiti del referendum e all’espressione inequivocabile del fatto che le politiche renziane – rispetto alle quali Gentiloni si è posto in assoluta continuità – hanno disgustato una percentuale altissima dei cittadini italiani, ha effettuato l’ennesima entrata a gamba tesa, facendo passare in extremis 8 delle 9 deleghe in bianco. Scelta compiuta a pochissimi giorni dalla scadenza dei 18 mesi previsti dalla norma e senza avere in alcun modo audito i soggetti coinvolti dai provvedimenti (studenti, docenti, genitori), che verranno – ancora una volta e del tutto al limite– coinvolti in una ratifica a cose fatte, in perfetto Renzi’s style, quello dell’ascolto simulato. Ad essere esautorato pertanto non sono solo le istituzioni parlamentari, ma anche quei “portatori di interesse” (i sempre citati stakeholders di neo liberistica anglofila suggestione) che finiscono per essere più che interlocutori reali, un mero orpello retorico per chi pratica il dirigismo autoreferenziale.
    Il motivo di un atteggiamento così miope e arrogante sta evidentemente nella consapevolezza di avere davanti a sé un tempo abbastanza lungo per poter continuare imperterriti – e nonostante la sconfitta del 4 dicembre – il massacro sociale e la dismissione dei diritti che hanno caratterizzato gli ultimi 3 anni. Starà certamente a tutti noi – se avremo considerato realmente inaccettabile questo comportamento – non solo trovare l’energia per rispondere con una seria mobilitazione all’ennesimo atto di imposizione, ma anche ricordare in tutte le sedi in cui verrà chiesto il nostro voto, da chi è diretto e come si orienta e agisce questo Pd e quanto zelantemente ha lavorato non solo per la distruzione della scuola della Costituzione, ma anche della pratica quotidiana della dinamica democratica.
    L’art. 76 della Carta afferma: “L’esercizio della funzione legislativa non può essere delegato al governo se non con determinazione di principi e criteri direttivi e soltanto per tempo limitato e per oggetti definiti”. In deroga ad esso la legge 107 ha conferito “deleghe in bianco” al governo, prive di principi specifici. Un fatto grave, divenuto uno delle argomentazioni principali di chi si è opposto alla “Buona Scuola”: un testo da contestare non solo per la parte precettiva, ma per questa ulteriore violenza procedurale alla democrazia costituzionale.
    Chiedersi se non sia abbastanza, se la misura non sia davvero colma è d’obbligo. Qualora la risposta fosse positiva, come è del tutto ragionevole immaginare, starà alla responsabilità di tutti gli attori della scuola democratica rispondere con energia, convinzione e intransigenza a questo ennesimo strisciante colpo di mano di un Renzi bis che, al di là della prossemica e del temperamento diverso del premier, si dimostra nei fatti esecutore di una politica di sostituzione dei principi della Costituzione che abbiamo difeso con i must del neoliberismo più oltranzista.

    • carla scrive:

      Ma che vada a…………! Una serie di decisioni fondamentali affidate al chiacchiericcio di facebook, dove la tizia promette (meglio, minaccia) di elargirci quotidianamente perle di saggezza, a piccole dosi, ovviamente, perchè è noto a tutti che non siamo all’altezza. Spero che quel “é”, verbo, usato al posto di “e”, congiunzione, sia un refuso della edazione di Orizzonte, non dell’illustrissima malpezzi (credevo si chiamasse simona, non flavia). Ma forse vuole sfidare gasparri e il suo meraviglioso “chiesimo” al posto di chiedemmo!

  9. Francesco scrive:

    Ha doppio nome, è scritto proprio così sul suo profilo :
    Questa sera arriveranno in commissione cultura le 8 deleghe alla legge 107 approvate in via preliminare dal Consiglio dei Ministri…… Le deleghe, infatti, finalmente consentono di allargare lo sguardo oltre il dato, certamente importante, del reclutamento dei docenti che verrà affrontato non solo in una delle deleghe ma anche dalla conseguente è fondamentale fase transitoria che terrà conto dei docenti di seconda e terza fascia.
    Ogni giorno, se avrete la pazienza di seguirmi, vi illustrerò i punti salienti del lavoro che ci aspetta.
    #
    Ma dipende dal correttore automatico del PC e del tablet, presumo

    • carla scrive:

      Sarà, ma quando uno affida un messaggio ubi et orbi su un social, farebbe meglio a rileggere. Secondo me è ignoranza. Anche il povero gasparri (e con lui dimaio) potrebbe allora invocare il correttore (lo scorrettore 🙂 🙂 ) automatico! Chiesiamolo ha lei, no?

  10. Francesco Vertillo scrive:

    Chi va il 22 gennaio all’assemblea della Lip?
    Io non posso,devo fare il bucato!
    Tanto per ricordare cos’era il Lip!
    A parte le battutacce,chissa’ se qualche romano,o laziale (senza riferimenti calcistici) partecipera’…

  11. quota96 scrive:

    ancora da FraVer:
    http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2017-01-16/pensioni-ipotesi-micro-aggiustamenti-214636.shtml?uuid=AE3MI9&fromSearch
    Non e’ che “cesellando cesellando” si ricordano anche di quota96? O glielo ricordiamo noi? Ma in pochi,se no si confondono…


Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...