Homepage new

Quota96 residuali in servizio

LA LOTTA CONTINUA

 

 Tutti i Quota96 in pensione! Precari assunti!

 

Saranno pubblicati a tutti tutte articoli, analisi e/o proposte articolate. (devono essere firmati).

Il sito non costituisce testata giornalistica, non ha comunque carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001.” Le foto e i contenuti sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione dei contenuti.
Annunci

5.595 commenti on “Homepage new”

  1. Rod ha detto:

    Certo,lo svecchiamento non e’ certo terminato con la ristretta ateadei beneficiari di quota 100.
    Ma a causa dell’abbandono storici della difesa dei piu’ deboli da parte della sinistra (?) cioe’ donne precoci ed esodati rimasti, questo palliativo di quota100 se lo intestaquesto governo reazionario.
    Ne’ pare dalle prime battute di sinistra critica (minoranza cgil) che a Landini venga in mente una proposta per le pensioni che possa sottrarre alla destra l’attuale egemonia in quel campo d’intervento

  2. quota96 ha detto:

    FraVer
    https://www.tecnicadellascuola.it/pensionamenti-scuola-roma-accordo-inps-miur-per-la-gestione-delle-pratiche
    Buone notizie (?) per i lavoratori romani (e gli altri?)

    https://www.tecnicadellascuola.it/parte-la-petizione-giustizia-rapida-contro-gli-abusi-dei-dirigenti-scolastici
    La firma su questa petizione potrebbe interessare anche qualche pensionato/a (vero Carla?)

    https://quota96.files.wordpress.com/2019/03/mce.pdf
    Un consiglio per tutti, specie i giovani docenti (non so se leggono sto’ blog…). Partecipare ad incontri Mce e’ sempre una scoperta, professionale e personale

  3. carla ha detto:

    Da Fraver:
    https://www.globalist.it/world/2019/03/07/non-possiamo-dire-che-non-sapevamo-mostrato-l-inferno-dei-lager-libici-2038418.html
    Al contrario di quanto afferma il giornalista alla fine, non si puo’ rimanere in silenzio vedendo queste immagini!

  4. carla ha detto:

    Da Fraver 2:
    https://www.avvenire.it/attualita/pagine/sea-watch-segreto-di-stato
    Ecco un altro esempio di “non cambiamento”, o cambiaNiente, del governo che si dichiarava vontro i muri di gomma istituzionali, come per la strage in volo di Ustica. Cos’e’, dobbiamo aspettare 39 anni anche per il caso Diciotti???

    • morgandoto ha detto:

      A quanto pare anche il sottoscritto ultimo quota 96 non ancora in quiescenza farà parte della schiera dei Quota 100…non per questo mi arruoleró tra i supporters di Salvini/DiMaio e certamente continuerò la battaglia per la difesa del sistema di Previdenza pubblico e contro le politiche neo liberiste di smantellamento dei diritti sociali e del lavoro. Vorrei però cogliere l’occasione per chiedere un parere a chi si intende più di me di normative e di interpretazioni di leggi che non sono mai del tutto chiare. Vi chiedo : avendo il sottoscritto cessato volontariamente il servizio al 31 Agosto 2016 con quasi 64 anni e 40 anni di contributi, rientrando quindi pienamente in quota 100, avrò il primo assegno ad Aprile, essendo attualmente disoccupato, o mi sarà versato ad Agosto secondo la finestra di 6 mesi per i dipendenti pubblici? Il Patronato sostiene la prima ipotesi, l’Inps , ovviamente la seconda…Voi che ne dite?
      Così tra breve sarò a tutti gli effetti “pensionato”, e pronto a continuare la lotta, anche per contrastare le manovre che continuano a penaljzzare le pensione in essere.

      • Francesco Vertillo ha detto:

        Per quel che ne capisco ha ragione l’inps, nel senso che sei un dipendente pubblico, anzi, ancor peggio, scolastico, e quindi vai in pensione l’1 sett.2019. Perche’ poi ti hanno detto agosto?

        • quota96 ha detto:

          A Fra’ dagli anche una bastonata già che ci sei.
          Carlo sei disoccupato, senza NASPI perché ti sei dimesso, non sei più un dipendente pubblico, sei un “esodato” volontario, se utilizzi quota 100 dovresti andare ad aprile.

      • carla ha detto:

        Secondo me dovresti aver l’assegno subito, non sei mesi dopo! Perchè sei un quota 100 atipico.

        • Francesco ha detto:

          Carlo ma forse ti conviene andare in pensione per vecchiaia, il 1 settembre, così prendi TFS PRIMA

          • quota96 ha detto:

            Non il 1° settembre ma dopo che ha compiuto 67 anni se è di ottobre a novembre e così via.

          • morgandoto ha detto:

            La prima rata del tfs l’ho già presa, dopo due anni e 2 mesi dalle mie dimissioni nel 2016.
            Se andassi per vecchiaia dovrei attendere il compimento dei 67 anni e quindi avrei il primo assegno a Dicembre. L’interpretazione del Patronato mi sembra corretta ,visto che risulto disoccupato dalle mie dimissioni volontarie. Come dice Franco sono un esodato ( volontario).
            Mettendo da parte la mia vicenda personale, vorrei richiamare l’attenzione di tutti voi già in quiescenza, ma tutt’altro che acquiescenti, sulla riunione che si terrà a Milano Sabato. Il Conup e altre organizzazioni incontrano un esponente del sindacato francese Solidaire ,che appoggia la lotta dei gilet jaunes. La questione previdenziale ha avuto un ruolo importante nel contrasto a Macron, che ha tentato di attaccare sia il livello delle pensioni in essere ,sia di passare al calcolo contributivo . È evidente che la lotta al modello neoliberista di smantellamento del Welfare può essere portata avanti solo a livello europeo.

          • quota96 ha detto:

            A questa pagina puoi scaricare la locandina dell’incontro del 16 marzo con rappresentanti dei gilet gialli a Milano

  5. quota96 ha detto:

    FraVer
    https://www.orizzontescuola.it/e-giusto-che-le-maestre-siano-laureate-e-che-vengano-sottoposte-a-visita-psichiatrica-la-caccia-alle-streghe/
    Ecco cosa succede a fomentare il rancore sociale, gia’ certificato dall’Istat nel 2018
    Da Rod rilanciato da Fraver con il commento:
    A questa pagina puoi scaricare la locandina dell’incontro del 16 marzo con rappresentanti dei gilet gialli a Milano
    Per chi puo’ andare, dal nord…
    Ci sono anche pensionati organizzati

  6. quota96 ha detto:

    FraVer
    http://temi.repubblica.it/micromega-online/petrini-i-giovani-contro-l-emergenza-climatica-nuovo-sessantotto/
    Speriamo sia vero, almeno una delle istanze del ’68 si avverrerebbe, mentre le altre sono in disuso!

  7. quota96 ha detto:

    Pubblicato articolo di Marco Spezia sulla tremenda prospettiva delle misure di questo governo:
    La grande stangata che il governo giallo-verde stà preparando contro i lavoratori

  8. quota96 ha detto:

    FraVer
    https://left.it/2019/03/13/il-successo-dellincompetenza/
    Infatti lo ripeto da almeno 2 decenni, dall’era berlusconi, che siamo cambiati antropologicamente

    http://m.flcgil.it/rassegna-stampa/nazionale/la-marcia-dei-ragazzi-che-vogliono-salvare-il-pianeta.flc
    Logicamente, da buon leghista, il bussetti, o “boss-etti”, o da banda bassotti, pensa solo alla giustificazione!

    https://www.orizzontescuola.it/tfs-dipendenti-pubblici-inps-simulazione-online-importo-spettante-servizio-online/
    Per chi volesse sapere quanto gli spetta o farsi anticipare il tfs

  9. carla ha detto:

    Da Fraver:
    https://www.orizzontescuola.it/tfr-dipendenti-pubblici-in-forte-ritardo-cosa-fare/
    Sul tfs la vedo sempre piu’ brutta, i ritardi aumentano e si accumulano

  10. carla ha detto:

    Da Fraver 2
    https://www.ciavula.it/2019/03/riace-storia-italiana-sasso-lucano/
    Per i milanesi…e non solo!
    Chiara Sasso e’ la presidente del Re.Co.Sol, rete dei comuni solidali

  11. quota96 ha detto:


    We need to wake up
    We need to wise up
    We need to open our eyes
    And do it now, now, now!

    We need to build a better future
    And we need to start right now

    We’re on a planet
    That has a problem
    We’ve got to solve it, get involved
    And do it now, now, now!

    We need to build a better future
    And we need to start right now

    Make it greener
    Make it cleaner
    Make it last, make it fast
    And do it now, now, now!

    We need to build a better future
    And we need to start right now

    No point in waiting
    Or hesitating
    We must get wise, take no more lies
    And do it now, now, now!

    We need to build a better future
    And we need to start right now

    Repeat all four verses (so we will sing them twice through in total), then repeat the last two lines (We need to build a better future, And we need to start right now) right at the end

  12. Carla ha detto:

    Da Fraver 1
    https://www.orizzontescuola.it/bucalo-fdi-bocciati-emendamenti-per-mandare-in-pensione-insegnanti-e-favorire-ingresso-precari/
    Che vengano da destra o da sinistra, quandi soni al governo non ci sentono piu’!
    Eppure i 5s hanno fatto la campagna contro fornero e rimproveravano ai renziani di non rispettare le norme europee su precariato. Il potere fa perdere la memoria!

  13. carla ha detto:

    Da Fraver 2
    https://www.orizzontescuola.it/di-maio-gli-studenti-che-manifestano-parlano-a-noi-e-parlano-di-futuro/
    Dimentica la Tap, l’Ilva, il Muos e che la tanto celebrata via della seta con i cinesi (si sa, grandi ambientalisti!) sara’ uno dei piu’ grandi disastri ambientali!

  14. carla ha detto:

    Da Fraver:
    La farsa fornero si/fornero no/fornero boh continua, a parti invertite. Quelli che spingevano (5stelle) contro quelli che cassavano (pd, in specie renziani), hanno invertito i ruoli, lasciando le solite fregature agli esodati

  15. quota96 ha detto:


    “Ciao, se state leggendo questo messaggio è segno che non sono più a questo mondo. Beh non rattristatevi più di tanto, mi sta bene così; non ho rimpianti, sono morto facendo quello che ritenevo più giusto, difendendo i più deboli e rimanendo fedele ai miei ideali di giustizia, uguaglianza e libertà. Quindi nonostante questa prematura dipartita, la mia vita resta comunque un successo e sono quasi certo che me ne sono andato con il sorriso sulle labbra. Non avrei potuto chiedere di meglio”.

    “Vi auguro tutto il bene possibile e spero che anche voi un giorno (se non l’avete già fatto) decidiate di dare la vita per il prossimo, – continua il messaggio – perché solo così si cambia il mondo. Solo sconfiggendo l’individualismo e l’egoismo in ciascuno di noi si può fare la differenza. Sono tempi difficili, lo so, ma non cedete alla rassegnazione, non abbandonate la speranza; mai! neppure un attimo.

    Anche quando tutto sembra perduto, e i mali che affliggono l’uomo e la terra sembrano insormontabili, cercate di trovare la forza, di infonderla nei vostri compagni.
    È proprio nei momenti più bui che la vostra luce serve.
    E ricordate sempre che ‘ogni tempesta comincia con una singola goccia’. Cercate di essere voi quella goccia.

    Vi amo tutti spero farete tesoro di queste parole. Serkeftin!
    Orso,
    Tekoser,
    Lorenzo”

  16. Francesco ha detto:

    Vuoi vederti tu? No stava scaricando materiale da Google plus che chiude il servizio e mi sono trovato anche questi e quindi ho lanciato un messaggio hai vecchi, poi lo sai che faccio anche altro oltre i filmati

  17. carla ha detto:

    @Franceschi Decisamente altri tempi……
    Da Fraver:
    https://m.orizzontescuola.it/perche-ho-aderito-a-quota-100-scarse-retribuzioni-e-considerazione-sociale-indagine-cisl/
    Sicuramente molti, anche ex quota 96, si ritroveranno nei motivi di scelta di uscire, spesso, da un girone infernale che neanche Dante poteva prevedere!

  18. Francesco ha detto:

    Sempre da Catania https://youtu.be/AE0UZv5cxcM
    Volevo condividere con voi la visione di questo film “I Villani” (prodotto da raicinema), che con 4 storie cerca di far capire che solo l’economia circolare, che parte dalle risorse naturali, e la Cultura contadina, ci potrebbero salvare

  19. Francesco ha detto:

    Ricalcolo pensioni, assegni meno generosi per 5,6 milioni di persone
    Dalla mensilità di aprile, l’Inps applicherà il nuovo meccanismo di adeguamento all’inflazione previsto dalla legge di Bilancio gialloverde. I pensionati dovranno conguagliare quanto incassato nei primi tre mesi, da pochi centesimi al centinaio di euro: 100 milioni il totale

    22 Marzo 2019
    MILANO – Ricalcolo delle pensioni in arrivo da parte dell’Inps. Dal prossimo primo aprile i trattamenti pensionistici che superano tre volte il minimo (ovvero i 1.522 euro al mese) verranno rivisti in base a quanto previsto dalla legge di bilancio per il 2019, che ha introdotto il contributo di solidarietà e ritoccato i meccanismi che adeguano gli assegni all’inflazione. La Finanziaria ha attinto da questi tagli per ‘far guadagnare’ alle casse dello Stato 3,6 miliardi nei tre anni di applicazione (dal 2019 al 2021), con un effetto-trascinamento valutato in 17 miliardi sul decennio. Risorse che poi sono state impiegate anche per Quota 100.

    Una circolare appena pubblicata dall’Inps spiega che i trattamenti interessati sono 5,6 milioni. Per circa 2,6 milioni delle posizioni interessate, la riduzione media mensile dell’importo lordo risulta di 28 centesimi. Ma in altri casi si potrà arrivare al centinaio di euro: soldi che i pensionati dovranno restituire, avendoli incassati nei primi tre mesi dell’anno durante i quali l’Istituto non aveva ancora fatto in tempo ad applicare la ‘nuova’ perequazione. Nel complesso, si stima che il conto sarà sui 100 milioni di euro.

    Il ricalcolo ha riguardato i trattamenti di importo complessivo lordo superiore a tre volte il trattamento minimo. Per questi, la Finanziaria ha introdotto sette fasce di perequazione con aliquote decrescenti, per i trattamenti pensionistici fino a 9 volte il minimo. Solo gli assegni entro le tre volte il minimo ricevono cioè il pieno adeguamento, quest’anno fissato provvisoriamente all’1,1%. A questa percentuale, per gli importi superiori, si applicano aliquote che vanno dal 97 (fino a 2.029 euro al mese) al 40 per cento (sopra 4.569 euro).

    Percentuali di aumento applicabili ai trattamenti pensionistici a decorrere dal 1° gennaio 2019, con le relative fasce di garanzia.
    Fasce Indice di perequazione % aumento Importo trattamenti
    Fino a 3 volte il trattamento minimo 100% 1,10% fino a € 1.522,26
    Fascia di garanzia * oltre € 1.522,26 e fino a € 1.522,76 sono garantiti 1.539,00
    Oltre 3 e fino a 4 volte il TM 97% 1,07% oltre € 1.522,26 e fino a € 2.029,68
    Fascia di garanzia * oltre € 2.029,68 e fino a € 2.034,10 sono garantiti € 2.051,34
    Oltre 4 e fino a 5 volte il TM 77% 0,85% oltre € 2.029,68 e fino a € 2.537,10
    Fascia di garanzia* oltre € 2.537,10 e fino a € 2.544,04 sono garantiti € 2.558,59
    Oltre 5 e fino a 6 volte il TM 52% 0,57% oltre € 2.537,10 e fino a € 3.044,52
    Fascia di garanzia* oltre € 3.044,52 e fino a € 3.046,19 sono garantiti € 3.061,93
    Oltre 6 e fino a 8 volte il TM 47% 0,52% oltre € 3.044,52 e fino a € 4.059,36
    Fascia di garanzia* oltre € 4.059,36 e fino € 4.060,25 sono garantiti € 4.080,35
    Oltre 8 e fino a 9 volte il TM 45% 0,50% oltre € 4.059,36 e fino a € 4.566,78
    Fascia di garanzia* oltre € 4.566,78 e fino a € 4.569,28 sono garantiti € 4.589,39
    Oltre 9 volte il TM 40% 0,44% oltre € 4.569,28
    * Le fasce di garanzia sono applicate quando, calcolando la perequazione con la percentuale della fascia, il risultato ottenuto è inferiore al limite della fascia precedente perequato. Fonte: Inps

    Sotto la regola della perequazione – dettaglia l’Istitituto – va l’importo complessivo lordo percepito, ovvero la somma di tutte le pensioni di cui un soggetto è titolare, erogate sia dall’Inps che dagli altri Enti presenti nel Casellario centrale, assoggettabili al regime della perequazione cumulata.

    La nuova formula della perequazione è diversa da quella applicata nel 2018, basata su cinque fasce, ma è soprattutto meno generosa del modello che sarebbe dovuto tornare in vigore a partire dal gennaio 2019, come avevano concordato le parti sociali col governo Gentiloni. Questa prevedeva tre fasce di trattamento pensionistico e l’applicazione del taglio della perequazione su scaglioni progressivi di reddito (come avviene per le aliquote Irpef).

    Ora che l’Istituto ha finalmente aggiornato il calcolo delle pensioni, si apre il problema della restituzione di quanto incassato indebitamente nella prima parte dell’anno. Come ricostruito da Repubblica nei giorni scorsi, la volontà del governo era di evitare di presentare il conto della restituzione ai pensionati sotto periodo elettorale: si era ipotizzata la mensilità di giugno. Ad oggi, l’Istituto non fuga i dubbi al riguardo: “Nei prossimo mesi l’Inps comunicherà le modalità di recupero delle somme relative al periodo gennaio-marzo 2019”, si limita a dire.

    Contestualmente alla probabile richiesta di conguaglio si prepara una manifestazione nazionale dei sindacati dei pensionati: sabato 1 giugno in piazza del Popolo a Roma e prima tre assemblee il 9 maggio a Padova, Roma e Napoli, hanno annunciato i sindacati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil. La mobilitazione dei pensionati è “contro la totale mancanza di attenzione nei loro confronti da parte del governo”, che si è “mostrato del tutto sordo” alle loro richieste. “L’unica misura messa in campo – denunciano – è stata quella del taglio della rivalutazione” delle pensioni.

    • Francesco Vertillo ha detto:

      Gia’ tagliata quella di aprile. Sono ricco e non lo sapevo!

    • Francesco Vertillo ha detto:

      Gia’ tagliata ad aprile. Sono ricco senza saperlo!

      • morgandoto ha detto:

        Franco, dacci qualche buona notizia…la manifestazione antifascista a Prato, a quanto pare è riuscita e i fascisti sono stati neutralizzati. Purtroppo invece gran parte dell’attualità politica è in questa fase piuttosto deprimente, tanto da spingerci a ggoderci la primavera nel nostro giardinetto…


Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.